Embrioni derivanti da zigoti con un solo pronucleo

Embrioni derivanti da zigoti con un solo pronucleo

Valutazione dell’assetto cromosomico degli embrioni derivanti da zigoti con un singolo pronucleo (1PN) nelle tecniche di fecondazione assistita

In un recente articolo pubblicato su Fertility and Sterility viene valutato l’assetto cromosomico degli embrioni derivanti da zigoti con un singolo pronucleo dopo l’iniezione intracitoplasmatica degli spermatozoi o ICSI.

In seguito alla ICSI, la formazione di un singolo pronucleo , definita comunemente 1PN, è una fertilizzazione anomala, in quanto solitamente, lo zigote (all’incirca 18-20 ore dopo la fecondazione) presenta due pronuclei, uno di origine materna ed uno di origine paterna.

In tale studio sono stati analizzati le anomalie per i cromosomi 13, 18, 21, X e Y.

Tutti gli embrioni, analizzati allo stadio di blastocisti, hanno presentato delle anomalie.

Tali dati, se confermati (in quanto la dimensione del campione non è molto estesa-sono stati analizzati solo 54 embrioni) indicherebbe che gli embrioni derivanti da zigoti con un singolo pronucleo avrebbero un alta probabilità di avere anomalie cromosomiche.