Sezioni informative

Anatomia e fisiologia dell'apparato riproduttivo femminile
Endometriosi
Diagnosi genetica pre-impianto
Conservazione della fertilità
Coppie siero-discordanti

Ultime notizie

Miniatura per immagine

Legge 40 incostituzionale cade il divieto all'eter...

A stabilirlo è la Corte Costituzionale che dichiara illegittima la norma secondo la quale il ricorso ad un donatore esterno alla copp...

Miniatura per immagine

Fecondazione assistita: natura delle aneuploidie c...

In un recente articolo pubblicato su Fertility and Sterility, vengono analizzate la natura delle aneuploidie legata all'età ma...

Miniatura per immagine

Blastocisti sovrannumerarie nelle tecniche di feco...

Il numero di blastocisti sovrannumerarie vitrificate è correlato positivamente alle percentuali di impianto e di nati vivi. In...

Miniatura per immagine

ICSI e Azoospermia non ostruttiva...

Nelle biopsie testicolari a fresco, la biopsia e quindi la ricerca degli spermatozoi per la ICSI vengono eseguite contemporaneamente al p...

Miniatura per immagine

Diagnosi genetica preimpianto ed età materna avan...

In un recente studio, che ha coinvolto diversi centri di fecondazione assistita, pubblicato su Fertility&Sterility, viene messo in ev...

Certificati di Qualità

CERTIFIED ISO 9001

E' possibile vedere i certificati di FertiClinic, CSQ e IQNet, è possibile visualizzarli in formato pdf

Tampone vaginale o striscio batteriologico vaginale

Mediante un tampone sterile (simile ad un cotton fioc) si prelevano piccole quantità di secrezione vaginale. Questo campione viene posto in specifici terreni di coltura e dopo alcuni giorni si osserva l’eventuale presenza di colonie batteriche (germi comuni, mycoplasma, etc.). Con metodologie più sofisticate è possibile individuare la presenza di clamydia, gonococco e HPV. Con l’antibiogramma e la conta delle colonie, è possibile individuare l’antibiotico maggiormente efficace a debellare l’infezione e la sua carica batterica.