Sezioni informative

Anatomia e fisiologia dell'apparato riproduttivo femminile
Endometriosi
Diagnosi genetica pre-impianto
Conservazione della fertilità
Coppie siero-discordanti

Ultime notizie

Miniatura per immagine

Fecondazione eterologa: linee guida...

Unanime il consenso alle linee guida sulla fecondazione eterologa. La conferenza delle regioni ha stilato un documento condiviso dal...

Miniatura per immagine

Fecondazione eterologa: cosa cambia in Italia...

Cade il divieto imposto dalla ormai ex legge 40, secondo cui non era possibile utilizzare il seme o l'ovocita di un donatore esterno ...

Miniatura per immagine

Donna partorisce dopo trapianto dell'utero...

Il caso unico al mondo è avvenuto in Svezia. La donna ha subito un trapianto dell'utero. La donatrice era sua madre. Un caso unic...

Miniatura per immagine

Fecondazione Assitita nelle donne obese: effetto p...

Da sempre è noto come un indice di massa corporea elevato influisca negativamente sulle potenzialità riproduttive sia delle...

Miniatura per immagine

Fecondazione Assistita: nessun rischio di malforma...

In un recente articolo pubblicato su Human Reproduction, una prestigiosa rivista internazionale, viene valutato il rischio di difetti con...

Certificati di Qualità

CERTIFIED ISO 9001

E' possibile vedere i certificati di FertiClinic, CSQ e IQNet, è possibile visualizzarli in formato pdf

Tampone vaginale o striscio batteriologico vaginale

Mediante un tampone sterile (simile ad un cotton fioc) si prelevano piccole quantità di secrezione vaginale. Questo campione viene posto in specifici terreni di coltura e dopo alcuni giorni si osserva l’eventuale presenza di colonie batteriche (germi comuni, mycoplasma, etc.). Con metodologie più sofisticate è possibile individuare la presenza di clamydia, gonococco e HPV. Con l’antibiogramma e la conta delle colonie, è possibile individuare l’antibiotico maggiormente efficace a debellare l’infezione e la sua carica batterica.