biopsia testicolareNei casi di assenza di spermatozoi nel liquido seminale a causa di un impedimento alla loro emissione (azoospermia ostruttiva) o a causa di un alterazione della spermatogenesi (azoospermia non-ostruttiva) è possibile che questi possano essere presente nel tessuto testicolare.

E’ possibile andare a ricercare l’eventuale presenza degli spermatozoi mediante diverse metodiche:

  • FNA (ago aspirato testicolare): utile nei casi di azoospermia ostruttiva permette con un ago di andare a prelevare gli spermatozoi presenti del fluido testicolare. Gli spermatozoi così ottenuti possono essere congelati e/o utilizzati per la ICSI.

Biopsia testicolare

  • TESE (estrazione testicolare degli spermatozoi): Queste procedura consiste nel prelevare chirurgicamente piccole quantità di tessuto testicolare. Può essere effettuata sia in anestesia locale sia in generale. Il tessuto prelevato viene sminuzzato e osservato al microscopio ad alto ingrandimento al fine di determinare la presenza di spermatozoi e/o di spermatidi. Nel caso in cui vengano ritrovati si può procedere al congelamento del tessuto testicolare per poi utilizzarli in ICSI successive.
  • Micro-TESE (estrazione microchirurgica testicolare degli spermatozoi ): tecnica chirurgica che utilizza un particolare microscopio sul campo operatorio attraverso il quale vengono analizzati i singoli tubuli seminiferi. Vengono prelevati quelli che appaiono di maggior diametro, più scuri e più vicini ai vasi sanguigni in quanto maggiore è la probabilità che in essi vi siano spermatozoi. Sicuramente la microtese offre maggior probabilità di recupero degli spermatozoi a fronte di un minor danno testicolare.

Prima Visita »»» Chiama subito!